Servizi di Base

Il Settore Servizi di base comprende i servizi di vigilanza dell’accesso all’Istituto, i magazzini librari, il servizio di distribuzione del materiale moderno effettuato al banco di distribuzione e il centralino.
Nell’ambito del compito istituzionale di promuovere la fruizione del patrimonio bibliografico della BNCF, mettendo al servizio della comunità i documenti di interesse culturale destinati all’uso pubblico e pervenuti per dono, acquisto e deposito, i Servizi di base consentono prima di tutto l’accesso ai locali della Biblioteca, quindi la consultazione all’interno dell’Istituto del ricchissimo patrimonio bibliografico moderno della BNCF, che nel 2010 contava 6.000.000 di volumi a stampa, 120.000 testate di periodici di cui 15.000 in corso. L’orario di apertura dell’Istituto è 8.15-19.
Gli addetti alla portineria verificano il rispetto delle condizioni di accesso all’Istituto da parte degli utenti; nei casi previsti rilasciano la tessera di visitatore registrando e trattenendo il documento di identità e restituendolo al momento dell’uscita; in assenza dei colleghi del centralino, ne coprono le mansioni.
Oltre alla consegna e ripresa in carico dei documenti, il personale del banco rilascia le autorizzazioni alla riproduzione e fornisce agli utenti le informazioni di base. All’attività di front office si accompagnano gli innumerevoli compiti legati alla gestione dei magazzini librari, indispensabile per consentire la conservazione e la fruizione del patrimonio librario. Il personale si occupa di ritirare, suddividere per segnatura e collocare in magazzino i nuovi libri che provengono dagli uffici di catalogazione e di svolgere una continua attività di revisione del materiale, che comporta il controllo dei libri mancanti, la verifica e il controllo dei movimenti scaduti, le statistiche richieste dal Ministero per i beni e le attività culturali. La sempre maggiore carenza di spazio dei magazzini – può essere utile ricordare che la crescita annuale del materiale librario è pari a circa 1 km e mezzo di scaffalatura- rende necessario il continuo ricompattamento dei libri nelle pur imponenti scaffalature compact che da molti anni hanno sostituito l’originaria scaffalatura autoportante a vista, in ferro, della ditta LIPS VAGO.
Infine, il personale valuta lo stato di conservazione dei libri richiesti in lettura o in prestito: se rovinati vengono temporaneamente esclusi dall’uso e inviati al Laboratorio di restauro.

Aggiornato a  Dicembre 2011