Laboratorio di Restauro

Il Laboratorio di restauro si occupa della conservazione e del restauro del patrimonio librario e documentario della BNCF. Gli interventi di restauro possono essere eseguiti dal Laboratorio stesso o anche affidati a ditte esterne su progetto e controllo del personale del Laboratorio che, qualche tempo fa ha anche contribuito a redigere il Capitolato tecnico per il restauro di libri e documenti. Secondo un protocollo che vige fin dall’alluvione, ogni volume è collazionato e dotato di una scheda di restauro, è poi affidato ad un unico operatore che può eseguire sia l’intero ciclo di lavorazioni (smontaggio, operazioni umide, rattoppo, cucitura e legatura), sia interventi di semplice consolidamento, secondo i moderni principi etici del restauro. Nel Laboratorio vengono accolti stagisti e volontari italiani e stranieri. La didattica si espleta anche nell’orientare verso le corrette pratiche di manipolazione sia gli utenti, tramite segnalibri, dispense e uno screensaver che gira sui PC della BNCF, sia il personale interno, per il quale sono stati organizzati corsi di aggiornamento sui temi della manipolazione, della tenuta dei depositi e delle azioni da compiere in caso di emergenza; a tale proposito, è stato redatto dal Laboratorio il “Piano di rischio”. Fra i compiti assolti anche il monitoraggio ambientale informatizzato e la predisposizione di pratiche di prevenzione: spolverature, contenitori, impacchettamento sottovuoto e l’ assistenza tecnica nell’allestimento delle mostre. I restauratori, in convenzione con la Regione Toscana, svolgono inoltre attività di consulenza per attività di conservazione e restauro relativi alle varie biblioteche . All’interno della struttura, funziona anche un centro per il congelamento del materiale cartaceo bagnato (riservato agli enti pubblici) e per la sua successiva essiccazione effettuata col sistema del vacuum freeze drying; il personale del Laboratorio fornisce le informazioni di pronto intervento per danni provocati dalle diverse emergenze: acqua, fuoco, attacchi biologici. E’ presente inoltre una macchina per fare il vuoto usata sia per asciugare i volumi sia per la conservazione di giornali e riviste in atmosfere modificate.
Il Laboratorio è aperto al pubblico per visite didattiche, per la consultazione del materiale alluvionato, messo in sicurezza ma non ancora restaurato e dei volumi che costituiscono la Biblioteca Tecnica, sezione dedicata alla letteratura scientifica di settore.

Aggiornato a Dicembre 2011