Informazioni Bibliografiche

L’ufficio Informazioni bibliografiche venne istituito nel 1958 dall’allora direttore Alberto Giraldi ed affidato a Carlo Mansuino, “storico” bibliotecario della BNCF, per la necessità di coordinare l’insieme delle attività di supporto alla ricerca fornite agli studiosi e più in generale agli utenti della biblioteca, sia all’interno dell’istituto che per corrispondenza. L’Ufficio, la cui creazione rispondeva anche all’esigenza di dotare la Nazionale di Firenze di una struttura analoga a quelle già operanti nelle più importanti biblioteche a livello internazionale, ebbe subito un immediato successo, in qualche modo anticipando un’esigenza generale del servizio fornito dalle biblioteche pubbliche che sarebbe stata poi recepita nel Regolamento organico delle biblioteche pubbliche statali, emanato con D.P.R. 5 settembre 1967, n. 1501, dove all’articolo 67 si recita “Ove non ostino particolari difficoltà è istituito in ogni biblioteca un apposito ufficio di informazioni bibliografiche”. Oltre alla funzione di supporto allo studio e alla ricerca, fin dall’inizio questo Ufficio divenne rapidamente il collettore delle più diverse problematiche che i lettori incontravano nell’uso del patrimonio e dei servizi della biblioteca. Il disastro causato dall’alluvione del 1966 e tutte le conseguenti difficoltà che ne seguirono, amplificarono questo aspetto, che anche oggi è un elemento che ne caratterizza fortemente l’identità. L’Ufficio opera durante tutto l’orario di apertura della Biblioteca e mantiene l’originaria funzione di indirizzare gli utenti verso gli strumenti bibliografici più appropriati per l’impostazione delle ricerche, utilizzando sia l’apparato bibliografico di cui dispone che risorse online. Ha inoltre competenza sulla consultazione di tutti i cataloghi (cartacei ed online) e di assistenza al pubblico per l’identificazione di opere di difficile reperibilità.
L’Ufficio svolge una rilevante attività di ricerca bibliografica e di gestione delle richieste di riproduzione per corrispondenza, ormai quasi esclusivamente tramite posta elettronica. Dall’Ufficio informazioni dipendono anche la Sala di lettura, i cui ambienti e arredi sono stati ristrutturati nel 1990 e riportati alla loro fisionomia originale dopo i danni subiti dall’alluvione, e la Sala cataloghi, prima ricollocata nella sua sede originaria e poi nel 1999 completamente rinnovata negli arredi e nei supporti tecnologici. Nella Sala cataloghi infatti, insieme a tutti i cataloghi a stampa della biblioteca, sono a disposizione degli utenti 48 postazioni individuali dotate di terminali per la ricerca nel catalogo online, la richiesta automatizzata dei documenti, l’accesso a risorse elettroniche esterne usufruibili solo tramite sottoscrizione effettuata dalla biblioteca, l’accesso libero ad Internet.
Nel giugno del 1995 a fianco dell’Ufficio Informazioni è stato istituito l’Ufficio relazioni con il pubblico, che, oltre ai compiti assegnatigli dalla normativa, ovvero i diritti di informazione, accesso e partecipazione dei cittadini come previsto dalla Legge 241/90 e dalla Legge 150/00, gestisce le richieste di riproduzione a scopo editoriale di tutto il materiale a stampa.

Aggiornato a Dicembre 2011