Fondi antichi a stampa

Il Settore si occupa della catalogazione di edizioni a stampa pre-1830 in SBN(A) che comporta: creazione, cattura, correzione delle notizie e loro inventariazione. Il Settore ha collaborato fin dall’inizio al Censimento delle edizioni italiane del XVI secolo. Negli ultimi tempi ha cercato di ottimizzare il lavoro privilegiando il confronto tra il patrimonio cinquecentesco della BNCF (attraverso il Catalogo delle edizioni del XVI sec.) e SBN(A). Si è occupato della bonifica delle collocazioni del progetto CUBI, in relazione al materiale antico e moderno, e in generale della gestione dei cataloghi storici soprattutto riguardo ad attribuzioni, collocazioni e inventari.
Partecipa alla catalogazione di materiale antico in occasione di eventi, collaborando alla pubblicazione dei cataloghi, alla cura e all’allestimento di mostre bibliografiche e manifestazioni culturali sempre nell’ambito del libro antico.
Fino al 2010 ha partecipato a nome della BNCF ai lavori del Consortium of European Research Libraries (CERL).

Ma l’attività attualmente più impegnativa riguarda la responsabilità di progetti di catalogazione e digitalizzazione di materiale antico, che comprende oltre alla competenza scientifica sulla catalogazione, l’analisi della composizione e consistenza dei fondi al fine della scelta del materiale. In proposito si ricordano: il progetto di catalogazione in SBN(A) e di parziale digitalizzazione del Fondo Magliabechiano; i progetti di digitalizzazione Galileo e Sapere Scientifico realizzati in collaborazione con il Museo della Scienza.
Attualmente è in corso il progetto di digitalizzazione delle edizioni del XVI e XVII sec. ad opera della ditta PROQUEST e sta per iniziare un importante progetto di catalogazione e digitalizzazione di edizioni antiche di pregio in collaborazione con l’ICCU. Negli ultimi anni ha assunto un ruolo centrale l’attività di organizzazione e programmazione del Progetto GOOGLE che prevede la catalogazione e digitalizzazione di oltre 300.000 edizioni comprese tra il 1701 e la fine dell’Ottocento. Il Settore partecipa alla gestione delle gare d’appalto offrendo la necessaria consulenza alle ditte.
Si aggiunge l’attività di formazione sul libro antico per volontari e tirocinanti provenienti da vari istituti e l’attività di reference rivolta a enti e vari istituti culturali italiani e stranieri e all’utenza locale e remota.

Aggiornato a Dicembre 2011