La BNCF e le organizzazioni bibliotecarie internazionali

di Federica Paradisi

Il coinvolgimento della Biblioteca nazionale di Firenze nelle diverse attività internazionali è documentato con maggior completezza, rispetto al passato, solo a partire dagli anni Novanta, anni nei quali si verifica una straordinaria coincidenza di iniziative e progetti in tale direzione. Testimonianze della partecipazione della BNCF in attività internazionali, prima degli anni Novanta, si ricavano da alcuni rapporti interni sulle relazioni con l’UNESCO per lo scambio delle pubblicazioni internazionali, avviate nel 1948 dall’allora direttore Anita Mondolfo, mentre la partecipazione della BNCF al Congresso internazionale delle biblioteche e dei centri di documentazione, che ebbe luogo a Bruxelles nel 1955 è attestata da una relazione sullo stato dei servizi della BNCF inviata al Convegno delle biblioteche nazionali d’Europa, promosso dall’UNESCO nel 1959. Risale al 1968, quale iniziativa di risonanza internazionale nel segno della ‘rinascita’ della Biblioteca dopo il tragico evento dell’Alluvione del 1966, il convegno tenuto a Firenze ‘Razionalizzazione e automazione di alcuni servizi della Biblioteca nazionale centrale di Firenze’, patrocinato dall’UNESCO e che fu essenzialmente forum di discussione sul rapporto di John Finzi (Library of Congress), redatto durante la sua missione a Firenze nel 1967, nel quadro degli aiuti dell’American Library Association. La successiva documentazione dal 1977 fino agli anni Novanta, risiede in archivi non ancora interamente ordinati, ma registra comunque occasionali adesioni ad attività internazionali che, se pur significativamente rilevanti, non possono tuttavia essere considerate un coinvolgimento continuativo, come invece più recentemente si rileva.
Negli ultimi vent’anni infatti, la Biblioteca nazionale centrale di Firenze ha riconosciuto stabilmente tra le proprie priorità il coinvolgimento e la partecipazione in organismi e attività internazionali, finalizzati ad operare nello specifico ambito delle biblioteche e dei servizi di documentazione e ricerca. Essa ha, infatti, individuato nella cooperazione, nella creazione di comuni piani di discussione, nello scambio di esperienze, conoscenze e strumenti di lavoro un modo di operare essenziale per lo sviluppo di capacità professionali e pratiche innovative che consentano di sviluppare servizi efficaci per rispondere ai bisogni informativi attuali e futuri dei propri utenti e per il compimento della propria missione.
La Biblioteca formalizza la propria partecipazione alla Conference of European National Librarians (CENL), organo permanente dei direttori delle biblioteche nazionali dei paesi membri del Consiglio d’Europa, con l’incontro di Francoforte del 1988 e sarà essa stessa, due anni dopo, a organizzarne a Firenze il terzo incontro, nel corso del quale nacque la partecipazione italiana al progetto europeo dei CD-ROM delle bibliografie nazionali (DI BENEDETTO 1990). La rappresentanza della BNCF, da allora in poi, è stata costante in seno a un organo fondato allo scopo di sostenere le biblioteche nazionali europee, particolarmente nel loro compito di conservare il patrimonio intellettuale del paese, assicurandone l’accesso perenne, e di costruire la biblioteca digitale europea. La conferenza dei direttori è soprattutto un ‘forum’ ove si confrontano idee innovative e si stabiliscono strategie comuni per il raggiungimento degli scopi delle nazionali europee. La Nazionale di Firenze contribuisce dal 2004 al progetto The European Library, portale delle risorse digitali delle biblioteche nazionali europee realizzato dalla CENL.
La Biblioteca ha anche, dal 1997 in poi, una membership nelle sezioni dell’International Federation of Library Associations (IFLA) ‘National Libraries’, ‘Bibliography’ e ‘Classification and Indexing’. I congressi annuali dell’IFLA sono stati una favorevole occasione per portare alla conoscenza della comunità professionale internazionale alcuni tra i più importanti progetti e attività della Biblioteca: nel 2004, a Buenos Aires, fu presentato lo studio di fattibilità sul rinnovamento del Soggettario per i cataloghi delle biblioteche italiane (FONTANA 2004); nel 2005, a Oslo, il sistema di gestione della qualità nella BNCF (FONTANA – SARDELLI 2005); nel 2008, a Québec, una relazione su alcune iniziative di collaborazione, attuate o progettate, tra l’Agenzia bibliografica nazionale e altri produttori di record bibliografici, relativamente alla redazione delle serie della Bibliografia nazionale italiana Libri per ragazzi e Tesi di dottorato (PARADISI 2008); nel 2009, a Milano, una relazione sui più recenti avanzamenti nel campo dell’indicizzazione per soggetto in Italia e sul sistema Nuovo Soggettario, a due anni dalla sua applicazione (CHETI – LUCARELLI – PARADISI 2009). Immediatamente prima del congresso IFLA 2009, ebbe luogo a Firenze un Satellite meeting dell’IFLA Classification and Indexing Section, organizzato dalla BNCF che presentò nel corso di esso una relazione sugli aspetti di interoperabilità del Thesaurus del Nuovo Soggettario con altri linguaggi e strumenti d’indicizzazione, e sulle sue prospettive di sviluppo nella direzione del web 2.0 (FRANCI ET AL, 2001).
Un’altra attività che la Biblioteca ha condotto e in qualche modo collegata con la membership nell’IFLA Section ‘National Libraries’ è l’adesione alla Conference of Directors of National Libraries (CDNL), associazione indipendente nata allo scopo di facilitare discussione e comprensione su questioni di comune interesse per le biblioteche nazionali, a livello mondiale. L’associazione CDNL tiene un incontro annuale, durante la settimana del congresso dell’IFLA, che è occasione per il fruttuoso scambio di idee e confronto su obiettivi concreti e questioni politiche e strategiche quali ad esempio, la promozione dello sviluppo e condivisione di strumenti, servizi digitali e standard comuni per la realizzazione della biblioteca digitale, con particolare attenzione alle questioni critiche per le biblioteche nazionali connesse alla gestione e alla preservazione permanente delle collezioni digitali (si veda anche l’IFLA-CDNL Alliance for Digital Strategies). Nel 2009, la Nazionale di Firenze organizzò, con il supporto della Direzione per i beni librari del MiBAC e l’Assessorato alla Cultura del Comune di Milano, l’annuale convegno CDNL, ospitandolo nella storica cornice del Castello Sforzesco.
Tra le molte altre partecipazioni a organismi di rilevanza internazionale si può citare la partecipazione della Biblioteca nazionale di Firenze al Consortium of European Research Libraries (CERL), organizzazione finalizzata alla condivisione di risorse tra le biblioteche di ricerca e alla costruzione del data base del patrimonio bibliografico a stampa europeo anteriore al 1830, denominato HPB (Heritage of the Printed Book Database), cui la Biblioteca contribuisce con i propri record bibliografici.
L’essere presenti in un ambito internazionale sembra essere un’attività importante per le moderne biblioteche nazionali, la cui missione non può oggi essere svolta se non nell’assunzione consapevole di modelli e direttive internazionali e nell’adesione a strategie condivise internazionalmente, di fronte alle sfide poste dalla crescita esponenziale e disponibilità di risorse informative e contenuti digitali nella ‘rete’ che non ha confini nazionali.

Bibliografia

CHETI – LUCARELLI – PARADISI 2010
ALBERTO CHETI – ANNA LUCARELLI – FEDERICA PARADISI , Subject indexing in Italy: recent advances and future perspectives, «International Cataloguing and Bibliographic Control», vol. XXXIX, 2010, n. 3, pp. 47-52.

DI BENEDETTO 1990
CLAUDIO DI BENEDETTO, Il CENL in una stanza, «BIT, Biblioteche in Toscana», VII, 1990, 28 (ott.-dic.), pp. 12-13

FONTANA 2004
ANTONIA IDA FONTANA, Subject indexing between international standards and local contexts: the Italian case, <http://archive.ifla.org/IV/ifla70/papers/038e-Fontana.pdf >.

FONTANA – SARDELLI 2005
ANTONIA IDA FONTANA – ALESSANDRO SARDELLI, Managing quality in a national library: the case of the National Central Library of Florence, Italy. <http://archive.ifla.org/IV/ifla71/papers/077e-Fontana_Sardelli.pdf>.

FRANCI [et al.] 2001
LUCIANA FRANCI – ANNA LUCARELLI – MARTA MOTTA – MASSIMO ROLLE, The Nuovo soggettario Thesaurus: structural features and web application projects, in Subject access. Preparing for the future, edited by Patrice Landry [et al.], Berlin/Munich, De Gruyter Saur, 2001, p. 155-168.

PARADISI 2008
FEDERICA PARADISI, Collaboration between producers of bibliographic data. Achievements and planned initiatives at the Italian National Bibliography, <http://archive.ifla.org/IV/ifla74/papers/162-Paradisi-en.pdf>

Aggiornato a Dicembre 2011